martedì, marzo 20, 2012

My life as Becky Bloomwood

Sono due anni che oltre a raccogliere miglia e punti di Hotel, cumulo anche ore di sonno perse.
Il monteore delle ore di sonno perse supera quasi il mio conto in banca.
Stamattina per dire sembravo abbronzata da tanto erano estese le mie occhiaie marroncine.
Prima di imbarcarmi però noto un nuovo negozietto che vende occhiali all'aereoporto. Entro per perdere tempo e la commessa mi dice che tutti gli occhiali costano solo 19,8 euro anzichè 80 euro (e che sono iper certificati e tutti made in italy e che rispettano l'ambiente e blablabla...).
Mmmmm...come rifiutare una offerta simile? Come lasciarsi sfuggire questa ghiotta occasione che servirebbe poi anche a mascherare la mia pessima cera?
Quindi provo nell'ordine:
  • 6 paia di occhiali alla Aviator
  • 10 paia di occhiali con montature colorate
  • 5 paia di occhiali con montatura bianca o anni 60
Il tavolo ne era pieno zeppo.
Quando ecco una voce: "Dallasta è pregata di recarsi subito al gate per l'imbarco immediato"
e io: "ops ma sono io, mi stanno chimando"...pago, indosso l'occhiale alla Tiffany e corro al gate con le borse svolazzanti.

Devo dire però che gli occhiali hanno svolto egregiamente il loro compito visto che poi tutti i colleghi non facevano che rimarcare la mia fashionità.

Io dovrei vivere come Becky Bloomwood!


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Più che una Becky Bloomwood mi sembri una Bridget Jones, e pure polemica...

(Evvai! - adesso hai materiale per un nuovo post. :)

fradalla ha detto...

Caro anonimo, a volte il "don't feed the trolls" non mi riesce.
Quindi ti rispondo anche a questo.
Mi è indifferente a chi somiglio, Becky e Bridget sono due ragazzotte simpatiche, quindi chissinefrega a chi mi paragoni.
Per il materiale sul nuovo post non l'ho capita: di chi dovrei scrivere?